M e t a - immagine d'intestazione
TESTI PREDISPOSTI Utilizzare questo menù per navigare dentro l'area.
Programmazione
Modello di scrittura utilizzato
Obiettivo formativo
Guida all'apprendimento
Materiali

PROGRAMMAZIONE

Finalità
Poiché la formazione degli alunni comprende le dimensioni affettiva e cognitiva,richiamiamo le seguenti competenze che intendiamo insegnare e verificare nel corso dello svolgimento dell'unità di lavoro: Per questo abbiamo deciso di lavorare sulla corrispondenza epistolare, in particolare sul testo di una lettera ricevuta, e di arrivare con gli alunni a produrre un testo epistolare per i genitori allo scopo di dare informazioni sulla relazione che la lettera ha messo in movimento.

1. Definizione dell'area generale di apprendimento
L'identità è composta da più elementi, tra i quali l'appartenenza territoriale, il sistema linguistico, l'insieme delle convinzioni religiose e dei comportamenti ereditati dalla tradizione insieme a tutto ciò che consapevolmente si costruisce nella relazione quotidiana con l'altro.
La costruzione dell'identità è quindi un processo di conoscenza e di definizione progressiva di sé e si attua in relazione a persone, fatti, ambienti culturali, eventi sociali percepiti inizialmente come altro da sé.
Esplicitare gli elementi non stabili e controllabili che contribuiscono alla costruzione dell' identità dell'alunno in relazione ad un compagno di classe, favorisce la costruzione di identità aperte.
Insegnare agli alunni a fare un elenco delle scelte possibili tra le informazioni che possono dare di sé e dell'altro, che dipendono da ciascuno e sono modificabili e osservabili dall'esterno, favorisce la formazione dell'alunno alle abilità sociali e all'assunzione di responsabilità personali e familiari.

2. Definizione dell'area specifica di apprendimento
Gli elementi costitutivi dell'identità personale in relazione sono analizzati all'interno degli ambiti curricolari di lingua italiana - storia - studi sociali - educazione all'immagine e alla convivenza civile.

3. Formulazione dell'obiettivo
L'alunno scrive una lettera:
- a interlocutori coetanei e non, conosciuti direttamente o indirettamente; - in un'occasione decisa ed esplicitata in classe;
- allo scopo di dare informazioni sulla relazione esistente tra lui e il suo compagno di banco, vicino o lontano;
- utilizzando informazioni che dipendono da se stessi (controllabili e non stabili);
- utilizzando i connettivi adatti;
- impiegando una tra le strutture testuali proposte.

Prestazione
L'alunno scrive una lettera ad un alunno di un'altra classe, in occasione della fine dell'anno scolastico, allo scopo di dare informazioni sulla relazione tra lui e il suo compagno di banco, assunte osservandosi in uno dei seguenti modi:
a) in un momento preciso della vita di classe;
b) recuperando dalla memoria o da documentazione le informazioni già conosciute;
c) intervistandosi reciprocamente su ambiti precisi.

Condizioni
Tempo 60 minuti
Utilizza la lista predisposta per la raccolta delle informazioni non stabili e controllabili.
Utilizza i connettivi utili a riferire su relazioni interpersonali.

Padronanza
- minimo 5-7 informazioni non stabili e controllabili per gli alunni di classe 2^
- minimo 6 - 8 informazioni non stabili e controllabili per gli alunni di 3^lasse 3
- minimo 7-10 informazioni non stabili e controllabili per gli alunni di classe - 4^
- minimo 10-12 informazioni non stabili e controllabili per gli alunni di classe - 5^.

4. Giustificazione della rilevanza dell'obiettivo
4a) I buoni motivi dell'insegnante: dare agli alunni gli strumenti di scrittura per dire di sé e per conoscere i compagni aiuterà la formazione del gruppo classe, l'apprezzamento reciproco tra gli alunni e la collaborazione.
La preparazione dell'attività e la riflessione sugli esiti, favoriranno la conoscenza della propria competenza professionale, l'articolazione della programmazione del lavoro successivo e la ricerca didattica.
La relazione con un'altra classe consentirà all'insegnante di mantenere un punto di vista esterno.
Lavorare sulla costruzione dell'identità, in una relazione comunicativa reale ha avuto il vantaggio di affrontare consapevolmente i possibili stereotipi e pregiudizi attraverso l'osservazione sistematica di sé e della relazione in atto. L'aumento di fiducia in se stessi e nel prossimo è stato il risultato della registrazione della modificazione dei propri stati d'animo, dell'analisi della motivazione, dell'assunzione di percezione di competenza, del ridimensionamento dell' immagine personale e collettiva, dell'aumento di autostima come soggetto, pubblico e privato.
Da ciò l'avvio di relazioni positive, l'aumento delle strategie di analisi e di apprendimento utili all' individuazione e alla soluzione dei problemi.

Poiché gli interlocutori esterni scelti per la corrispondenza sono stati alcuni studenti israeliani e palestinesi a partire dal 1993, osservati nelle relazioni di scrittura instaurate nel contesto scolastico previsto, in questa occasione desideriamo ringraziare i ragazzi palestinesi che parlandoci di "loro", ci hanno rinviato ai ragazzi israeliani, e i ragazzi israeliani perché hanno consentito a noi, mantenendosi interlocutori esterni, di iniziare a percepire la nostra identità e di osservare come stavamo modificando il nostro modo di fare scuola, aiutandoci ad individuare gli elementi di novità utili a riconoscerci come interlocutori in relazione ad altri.

4b) I buoni motivi degli alunni: il piacere di misurarsi in un'attività nuova di osservazione, favorirà la scelta di mete comuni tra le classi e l'avvio di percorsi nuovi di lettura e di scrittura. La curiosità di sapere che cosa gli altri pensino e dicano di sé e degli altri agevolerà la sicurezza personale nello star bene in classe.

5. Idoneità dell' obiettivo agli alunni
Gli alunni hanno già svolto elaborati che hanno verificato le seguenti competenze:
- leggere e comprendere una consegna;
- leggere e scrivere frasi semplici;
- stabilire relazioni di successione temporale e di causa effetto;
- individuare differenze e comunanze;
- dare informazioni su di sé;
- riconoscere il testo "lettera".

6. Pubblicizzazione dell'obiettivo
Gli alunni conoscono gli obiettivi da raggiungere e li esprimono nel seguente modo: "Poiché ho imparato a presentare sia me sia il mio compagno, scriverò una lettera ad un alunno di una classe vicina per far conoscere me e lui.
Il team viene informato per tempo sull'obiettivo e sullo sviluppo dell'unità didattica.

7. Scelta dei materiali
Per l'insegnante:
- elenco degli alunni delle classi.
- elenco degli abbinamenti per la descrizione del compagno.
- tabella per la registrazione dei dati non stabili e controllabili.
- lista dei connettivi adatti alla scrittura in parallelo.
- lista dei nomi propri: origine e significato.

Per gli alunni:
Quaderno personale di storia, di italiano o altro.
Lista dei nomi propri: origine e significato.

8. Guida all'apprendimento

RISALI LA PAGINA
Licenza Creative Commons
Realizzazione Archimatica It