M e t a - immagine d'intestazione
TESTI PREDISPOSTI Utilizzare questo menù per navigare dentro l'area documenti.
Protocollo d'intesa
Bibliografia
Biblioteca
Antologia

BIBLIOGRAFIA

Bibliografia ragionata su Autoefficacia e parenti prossimi.

1

Il costrutto "percezione di competenza" e il ruolo giocato dalla competenza percepita nella modulazione della "motivazione di competenza [effectance]"secondo la teoria di Susan Harter sono sintetizzati in:

2

Tra i precursori di Harter vanno ricordati la teoria del Sé di William James e l'interazionismo simbolico di Mead: Gli strumenti "A chi assomiglio" e "Quanto importante è per me", elaborati da Susan Harter, sono stati adattati in lingua italiana da Pedrabissi, Santinello e Scarpazza della Facoltà di Psicologia dell'Università di Padova:

3

Distinzioni concettuali dei costrutti di "autostima", "competenza percepita", "autoefficacia", "controllo percepito" e "aspettative di risultato" possono essere rintracciate in: Segnalo che il volume curato da Caprara contiene 29 strumenti per la valutazione dell'autoefficacia in vari ambiti. Altri 3 strumenti sono riprodotti in Nota e Soresi, pp. 122-124.
Un eccellente strumento di misura dell'autoefficacia in ambito scolastico per soggetti di scuola media ("Quanta fiducia ho in me?") è pubblicato in: Sulle credenze di autoefficacia e sul ruolo che esse svolgono nei processi di orientamento scolastico-professionale, e più in generale nelle attività di apprendimento, il testo di riferimento, che contiene anche un training completo per l'incremento dell'autoefficacia scolastica, è:

4

Sulla teoria delle discrepanze del sé il testo di riferimento è: Sulla teoria dei "possibili sé": Una ricerca in lingua italiana sulla teoria delle discrepanze del sé, straordinariamente interessante anche sotto il profilo del metodo e degli strumenti di analisi, è sviluppata in: Segnalo un'applicazione della teoria di Higgins all'interno di una ricerca sui comportamenti di acquisto (tesi di laurea di Stefania Lilliu): Il legame tra discrepanze del sé, vissuto psicologico, reazioni emotive del soggetto, effetti sulla motivazione è descritto in:

5

Il sé nel pensiero filosofico, in particolare nella riflessione etica, svolge un ruolo cruciale. I rimandi possibili sono sterminati; due sole indicazioni, in linea con le mie preferenze verso l'ontologia morale e la riflessione sull'etica pubblica, sono:

6

In ambito psicodinamico (psicologia del Sé, schemi e stati dell'io, analisi transazionale) vanno segnalati almeno i seguenti testi: Un sito interessante (consiglio in particolare la parte IV del Rapporto 1997 sulla condizione dell'infanzia e dell'adolescenza): http://www.dirittoefamiglia.it/Docs/Altri/Scienza/Rapporto/rapporto97a.htm
Sul rapporto tra valore del Sé, felicità percepita e qualità della vita: http://www.neurolinguistic.com/proxima/articoli/art-48.htm

Se fossi costretto a rispondere alla domanda "Da dove, tra i testi in elenco, iniziare un percorso di approfondimento?", segnalerei il volume di L. NOTA, S. SORESI, Autoefficacia nelle scelte, ITER, Giunti Organizzazioni Speciali, Firenze 2000.

Giuseppe Martini, marzo 2004
CSA di Treviso, Ufficio Interventi Educativi
RISALI LA PAGINA
Licenza Creative Commons
Realizzazione Archimatica It